il punto di partenza...

Che cosa succede all'osso

quando si perde un dente?

La mancanza di uno o più elementi dentali (edentulia) causa un graduale riassorbimento dell’osso e della gengiva, poiché quando si perde un dente viene meno il sostegno naturale della radice e questo determina una perdita delle dimensioni dell’osso in lunghezza ed altezza. Una dentatura incompleta favorisce il movimento dei denti che inizieranno a spostarsi per andare a colmare le zone rimaste vuote. Tutto ciò inevitabilmente crea difficoltà nella masticazione. Le lacune nella dentatura alterano in modo più o meno visivo quelli che sono i lineamenti del viso, ma soprattutto causano problemi al linguaggio. Gli spazi vuoti, infatti, rendono difficile la pronuncia di alcune sillabe e, quando molto visibili, creano imbarazzo nel parlare in pubblico.

Ma quali sono le cause principali della perdita degli elementi dentali?
La perdita ossea è causata principalmente da malattie gengivali come la parodontite, malattia che causa la distruzione dell’apparato di sostegno del dente stesso (parodonto) e deriva dalla proliferazione dei batteri della placca dentale. Altri fattori che portano alla caduta dei denti sono traumi e incidenti, carie non curate o malattie gravi come cancro e diabete.

perdita
del dente

dopo
senza impianto

dopo
con impianto

Una vite in titanio di dimensioni ridotte (pochi millimetri di diametro e altezza) progettata per sostituire la radice naturale del dente.

gli impianti dentali

Che cos'è un

impianto dentale?

L’impianto dentale è una vite in titanio di dimensioni ridotte (pochi millimetri di diametro e altezza) progettata per sostituire la radice naturale del dente. L’impianto è inserito nell’osso mandibolare o mascellare in corrispondenza dello spazio vuoto lasciato dal dente mancante e, grazie a un processo biologico chiamato “osteointegrazione”, interagisce perfettamente con il tessuto osseo in un periodo che varia dai tre ai sei mesi.

Il titanio medico è utilizzato da oltre trent’anni nel settore odontoiatrico per la sua elevata biocompatibilità e la completa assenza di rigetto.

L’impianto, proprio come la radice del dente naturale, svolgerà una funzione di sostegno al dente sostitutivo e l’intero complesso impianto-protesi sarà in tutto e per tutto simile al dente naturale coniugando comodità, funzionalità ed estetica.

Struttura di

un impianto dentale

Impianto dentale
+

Abutment o moncone
Elemento trasmucoso che attraversa le gengive.
è la parte incaricata di connettere l’impianto alla corona artificiale.
A volte l’abutment può essere parte integrante dell’impianto.
+

Vite di giunzione
tra impianto e abutment: se il moncone non fa parte dell’impianto,
allora sarà necessaria una piccola vite di giuntura per fissare le due componenti.
+

Protesi
la corona artificiale completa il lavoro del dentista e conferisce al dente artificiale
un aspetto estetico in tutto e per tutto simile a quello naturale.

Quali sono i benefici della terapia?

I vantaggi della terapia implantare non sono solamente di tipo estetico. La mancanza di uno o più denti compromette le funzioni naturali come il linguaggio...

Domande FAQ sul mondo implantare

Rispondiamo a tutti i tuoi dubbi e domande sul mondo dell'implantologia, troverai domande e risposte più comuni e potrai inviarci le tue richieste specifiche...